LA VIS ARTENA AL SECONDO POSTO IN SERIE D

I ROSSOVERDI STANNO DISPUTANDO UN CAMPIONATO MERAVIGLIOSO E CON DI FRONTE UN SOGNO: LA SERIE C

Un campionato strepitoso per la Vis Artena che sta coronando un sogno, l’avvicinamento alla serie C. Pur con tutte le difficoltà del caso, con un campo a mezzo servizio, senza tribune e senza altre strutture necessarie a disputare un torneo di serie D, il sodalizio rossoverde del presidente Alfredo Bucci, è, al momento in cui scriviamo, al secondo posto della generale.

Nelle ultime dieci partite la Vis ha guadagnato ben sette vittore, mentre due partite, quella con Muravera e quella con il Monterosi sono state rinviate, e l’unica sconfitta per i rossoverdi è arrivata ad Arzachena.

Un campionato, insomma, di grande spessore, soprattutto in questa seconda parte. Nelle prime cinque gare la Vis aveva collezionato tre sconfitte due vittorie. Perotti è stato bravo ad individuare le difficoltà e i punti deboli della squadra e a superarli, soprattutto con una compagine giovane come quella rossoverde che ha una media di età di poco superiore ai ventuno anni.

Dopo tre stagioni, l’esperienza maturata comincia ad essere fruttuosa. Bravo è stato patron Di Cori che ha messo a disposizione del trainer, attraverso il direttore tecnico Maurizi, la rosa giusta per ambire a un traguardo finale tra i primi posti.

L’unica nota dolente della stagione è rappresentata dalla assenza della struttura idonea al campionato semiprofessionistico. Nei primi due anni la Vis è emigrata a Ciampino, a Colleferro, a Lariano, ma non ha mai potuto disputare una partita al comunale di via Marconi, per i lavori di ristrutturazione dell’impianto che durano ormai da un biennio.

La Vis quest’anno gioca ad Artena, ma la pandemia non consente di vedere all’opera i rossoverdi e se anche non ci fosse l’emergenza sanitaria, le partite sarebbero ancora a porte chiuse per la totale assenza delle strutture idonee ad ospitare i tifosi di Artena e quelli al seguito degli ospiti.

Intanto, la Vis Artena non ha disputato il turno infrasettimanale dello scorso 3 febbraio che l’avrebbe vista di fronte al Monterosi, prima in classifica. Nel gruppo viterbese continuano le positività al covid e quindi la gara è stata rinviata. Peccato soprattutto per il Monterosi che sta dominando il campionato: in dieci partite in punti sono 26.  Domenica 7, però, la Vis è tornata a giocare e ha battuto sul proprio terreno il Carbonia con un classico 2-0.

In classifica le distanze si sono notevolmente accorciate considerato e ora in testa c’è il Latina, sconfitta un paio di settimana fa ad Artena, a quota 29, seguita proprio dai rossoverdi che sono a 28. Poi la Nocerina e il Savoia a 27 e il Monterosi a 26 punti. La differenza, però, oltre ai punti è fatta dalle gare giocate: il Monterosi ne ha disputate 10, il Latina 13, la Vis 14, la nNocerina 15 e il Savoia 16. È chiaro che l’emergenza covid tende a falsare il campionato, ma questo lo si sapeva fin dall’inizio: squadre in forma (come il Monterosi) sono costrette a fermarsi per qualche settimana, mentre altre che annaspano potrebbero avere dall’eventuale sosta forzata un vantaggio.

Nel girone G la Vis Artena, nonostante i tre anni di permanenza, è comunque una delle neofite tra l’intero lotto delle pretendenti e più blasonate società. Nel girone della Vis ci sono il Latina, che cinque anni fa ha disputato la finale dei playoff per la promozione in serie A; ci sono il Savoia e la Nocerina che hanno disputato molti campionati in serie B; ci sono il Cassino, il Formia, il Gladiator, l’Afragolese, la Torres, il Nola che sono abbonate alla serie C. Questo non fa che aumentare i meriti della Vis che al cospetto di tali avversari si dimostra di essere alla pari.